ALTERNATIVAEUROPEA

 

5 Dicembre 2003, n. 12 Newsletter di alternativaeuropea

EUROPA: FINTI SUCCESSI

E REALI FALLIMENTI

Luisa Trumellini

 

Come ci ricorda bene Jacques Juliard, in un articolo apparso sul Nouvel Observateur il 27 novembre 2003, è da più di dieci anni, cioè dai tempi di Maastricht e della conseguente introduzione dell'Euro, che l'Unione europea fa un passo avanti per farne due indietro, essendo diventata ormai, da grande progetto politico quale era, una mera espressione geografica. In questi ultimi dieci giorni, nel mezzo del lavoro diplomatico febbrile per riuscire a trovare un accordo sulla nuova "Costituzione", l'Europa è già riuscita a fare i due passi indietro di prammatica; ma purtroppo è molto più difficile immaginare, visto lo stato del dibattito, che sia in grado di farne anche solo mezzo in avanti.
In ordine cronologico il primo, clamoroso passo indietro risale alla riunione Ecofin del 25 novembre, in cui si è deciso a maggioranza di derogare alle regole del Patto di stabilità per concedere un po' più di tempo a Francia e Germania per sistemare i rispettivi conti pubblici. Con questa scelta i Ministri delle Finanze hanno sollevato un coro di aspre critiche perché hanno indispettito sia la maggioranza dei paesi membri che vedono con crescente preoccupazione il rafforzamento dell'asse franco-tedesco, e che quindi lamentano il carattere ingiusto del trattamento preteso dai due Stati europei di maggior peso, sia i sostenitori degli attuali equilibri di potere esistenti nell'Unione, e in particolare la Commissione, che in questo frangente si è sentita scavalcata e umiliata.
In realtà non è difficile capire che quanto è successo è semplicemente il frutto di una situazione insostenibile, in cui a fronte di una moneta unica non esiste un potere politico che la governi in nome dell'interesse generale europeo. Una situazione, quindi, che si potrebbe superare solo se, invece di limitarsi ad accusare le parti in causa nel tentativo di non rimetterla in discussione, si accettasse di rispondere alla domanda che l'allora Presidente della Bundesbank Hans Tietmeyer poneva nel '98: "L'Unione politica è piuttosto una condizione o una conseguenza dell'Unione monetaria?". Ma i Paesi europei, di fronte a questo quesito, scelgono semplicemente di non rispondere, o meglio di optare, nell'incertezza, per la tesi in base alla quale l'unione politica non costituisce né una condizione, né una conseguenza dell'Unione monetaria. Essi, insieme alla Commissione, fedele custode del mantenimento delle contraddizioni in cui si dibatte l'Europa, continuano a far finta che l'Unione monetaria possa durare nel tempo sulla base di regole puramente restrittive, concordate tra Stati sovrani i quali dovrebbero applicarle, senza che esista un potere superiore ad imporglielo, anche quando queste ledono i loro più profondi interessi.
Il secondo passo indietro, che sarebbe forse anche più eclatante del primo se non fosse invece propagandato con tanto fervore come un successo, è il recentissimo accordo a tre, Francia, Germania e Gran Bretagna, sulla difesa. Se si pensa che il punto di partenza delle ambizioni franco-tedesche nella riunione di fine aprile con il Belgio e il Lussemburgo era in teoria quello di avviare un nucleo di difesa europeo autonomo dalla NATO, che avrebbe dovuto porre le basi di una vera politica estera, è facile cogliere la pochezza dei risultati raggiunti con il sostegno della Gran Bretagna, che garantisce la fedeltà agli Stati Uniti e che infatti ne ottiene senza problemi il beneplacito. Parafrasando Bush, gli europei si attrezzano così a vigilare con più efficienza sui bambini di Sarajevo che devono attraversare la strada per andare a scuola, e continuano a lasciare il problema della guerra (e quindi, per inciso, della pace) a chi sa occuparsene "meglio", cioè agli americani.
Come possono essere soddisfatti francesi e tedeschi del nulla raggiunto? La risposta si trova nell'ambiguità delle loro aspirazioni iniziali. Essi volevano conciliare la nascita di un nucleo di difesa "europea" con il mantenimento della cooperazione tra Stati. Nella misura in cui si rimane prigionieri dell'ottica nazionale, per cui si cerca di trovare un accordo tra Stati sovrani per organizzare meglio il coordinamento delle rispettive forze militari e per condividere qualche progetto che renda più razionale l'investimento in campo militare, appare chiaro che è essenziale coinvolgere il Paese militarmente più forte, l'unico altro Paese europeo con una forza di dissuasione nucleare e un seggio all'ONU: la Gran Bretagna. In questa ottica la divergenza degli obiettivi politici diventa secondaria, stemperata in un processo di lungo periodo.
La lezione della guerra all'Iraq, da cui le iniziative franco-tedesche erano partite, avrebbe dovuto insegnare invece che il problema è quello di arrivare a fondare un centro di potere europeo capace di avere un ruolo internazionale, diverso ma paritario rispetto a quello degli Stati Uniti. Ma per far propria una simile lezione e trarne le debite conseguenze bisognava avere il coraggio di porre il problema del trasferimento di sovranità a questo nuovo centro di potere europeo; e quindi porre il problema non di un avanguardia di Stati pronti a cooperare nel campo della difesa ma della creazione di un nucleo federale per fondare, all'interno dell'Unione, lo Stato europeo (aperto a tutti i paesi disposti ad aderirvi) responsabile della politica estera e di difesa degli europei.
E' evidente che l'Europa continuerà a fare passi indietro, e non ne farà neanche uno in avanti, finché Francia, Germania e, con loro, gli altri paesi fondatori ­ su cui ricade la responsabilità storica della costruzione europea ­ non impareranno questa lezione. Nella "Costituzione" europea su cui gli Stati tanto litigano non esiste niente che vada in questa direzione; essa può rappresentare al massimo un trattato per far funzionare un po' meglio (forse) l'Unione a 25, in cui i governi nazionali devono far sentire maggiormente la propria voce per bilanciare almeno in parte il deficit democratico ­ inevitabile in ogni confederazione - che affligge l'Europa. Ma allora, i sei paesi fondatori, rimasti gli unici a difendere il testo della Convenzione, devono capire che non è questa la linea su cui davvero si crea l'avanguardia dei Paesi più avanzati o su cui si fa compiere all'Europa il salto per diventare un potere politico. A chi, come Verhofstadt, che confonde l'obiettivo federale con quello comunitario, si vanta di avere una posizione "federalista" attestandosi sul testo prodotto da Giscard e dai convenzionali, occorre sempre ricordare il monito di Einaudi che facendo un parallelo fra Europa e America sottolineava che: "Gli Stati Uniti d'America nacquero quando la Costituzione del 26 luglio 1788 ebbe cominciamento con le famose parole: We the people of the United States, noi popolo degli Stati Uniti, e cioè non noi tredici Stati, ma noi 'il popolo intero degli Stati Uniti', abbiamo deciso di fondare una più perfetta unione. Con quelle parole, e solo con quelle parole, gli Stati Uniti d'America (crearono) un nuovo Stato non composto da Stati sovrani, ma costituito direttamente da tutto il popolo degli Stati Uniti; e superiore perciò agli Stati creati dalle frazioni dello stesso popolo viventi nei territori degli Stati singoli. Vano è immaginare e farneticare soluzioni intermedie" (*)

 

(*), Luigi Einaudi, La guerra e l'unità europea, Bologna, 1986, p.62

Newsletters precedenti


T N. 11 (Un'interpretazione autentica della "Costituzione europea", Alternativa europea)

T N. 10 (Non c'è unificazione militare senza Stato federale F. Spoltore)

T N. 9 (Quali rischi corre l'Italia, L. Trumellini)

T N. 8 (Il "destino domato" di Francia, Germania... ed Europa, Alternativa europea)

T N. 7 (Fischer alla prova dei fatti, Alternativa europea)

T N. 6 (Il feticcio del metodo comunitario, di F. Spoltore)

T N. 5 (L'era della pace giusta (americana), Alternativa europea)

T N. 4 (Lettera al Presidente della Repubblica del Segretario Regionale Lombardo GFE, di E. Recupero)

T N. 3 (Le ambigue proposte di riforma della Commissione europea, Alternativa europea)

T N. 2 (Lamassoure e come fondare la federazione nella confederazione, di F. Spoltore)

T N. 1 (Un commento sulla proposta di Blair per la riforma della Presidenza del Consiglio europeo, di L. Trumellini)

T N. 0 (Risultati dell'azione a Milano 9-12/05, di F. Andriulli, C. Battaglini)


Iscriviti alla mailing-list

Vai al sito
www.alternativaeuropea.org e iscriviti alla mailing list tramite la form al fondo della homepage.
 

http://www.alternativaeuropea.org